magia rossa legamenti d'amore
  ismaell.net   ismaell.net   ismaell.net  
magia rossa legamenti d'amore

Sedute spiritiche

Ci sono molti metodi per “contattare” anime trapassare premetto che personalmente sono contrario alle sedute spiritiche fatte per gioco , curiosità,ecc, nessuno di noi viventi si deve accaparrare il diritto di forzare la venuta di un anima o di disturbare il loro riposo,dobbiamo essere coscienti che chi lasci questa vita piena di tribolazioni “non ne vuole sentir parlare” vive in un’altra dimensione quella vera fatta di verità, sta a loro e soltanto loro decidere se come e quanto mettersi in contatto con noi,soltanto quando si ricevono dei segnali forti allora si potrà provare a mettersi in contatto con loro.
I fenomeni spiritici si possono dividere in due categorie: i fenomeni che si realizzano nella persona stessa del Medium o al suo contatto; i fenomeni che si realizzano al di fuori del Medium e senza contatti con la sua persona. I due ordini di fenomeni, in ogni caso, sono legati intimamente nella loro produzione e danno origine a comunicazioni identiche, per ciò che concerne la loro supposta origine. La prima serie comprende : i movimenti di oggetti ( pendolo, bacchetta tavolo soprattutto), prodotti al contatto con le mani senza impulsi coscienti degli astanti. Ed è questo il fenomeno più facile da ottenere E’ sufficiente che un gruppo di 4 persone si riunisca attorno ad un tavolo leggero, le mani nude in cerchio su di un piano e rapidamente spesso alla prima seduta, il tavolo si anima, produce scricchiolii, ruota, si solleva con uno o più dei suoi piedi, esegue i movimenti che sono compatibili con la sua struttura, obbedisce agli ordini che gli si danno ecc .ecc. Esiste poi la medianità vocale, l’incorporazione e la trasfigurazione. Nella medianità vocale la comunicazione avviene attraverso la voce del medium,: timbro vocale, espressioni, idiomi conoscenze ecc. non appartengono al medium e sono invece quelli del defunto che vuol parlare attraverso gli organi del medium stesso. Durante lo svolgimento dell’esperienza, il medium è in trance e l’incorporazione e la presa di possesso, da parte dello spirito, del corpo del medium avviene senza che quest’ultimo se ne renda conto. Il termine ” trance” che ha le sue radici nel latino significa ” transire” ciò passare, viene dalla lingua inglese ed è traducibile con il concetto di ” estasi ed indica quello stato particolare in cui si trovano i soggetti dotati di capacità a realizzare le manifestazioni paranormali. L’entrare in trance per un medium non è semplice: sono un rapporto o contatto con una dimensione differente o, comunque, con una diversa visione della realtà. Nello stato di trance interviene nel soggetto una modificazione, talvolta parziale, ma il più delle volte completa, della personalità che risulta differente da quella originaria, personalità che può alternarsi e modificarsi nel corso di ulteriori esperienze. Nello stato di trance la mente del medium può essere paragonata – se mi si permette il paragone- ad una stazione radio di ascolto. Talvolta questo stato lo si raggiunge attraverso una predisposizione naturale, talvolta in seguito ad una tecnica di autoipnosi, ma certamente la forma più completa è quella della concentrazione. Che cosa avvenga nella psiche del medium non è facile comprenderlo anche perché tutto ciò che compie durante ” la trance” viene da lui dimenticato al suo risveglio; si ritiene comunque che sfuggendo ai legami della materia fisica, riaffiorino le capacità o le facoltà dello spirito e che queste ultime riprendano le loro possibilità di uso. Nel caso delle tavolette parlanti, o della scrittura automatica, non interviene l’esclusione dell’ Io, ma soltanto una esclusione della coscienza, consentendo alla mente di ricevere quelle ispirazioni provenienti da fonti ” Superiori”. Che cosa avviene nello stato di ” trance”, quando si determina un processo di incorporazione? Questa domanda richiama l’attenzione su una fase importantissima del rapporto spiritico; infatti, l’interrogativo è se, durante lo stato di trance, il medium incorpori effettivamente l’entità dello spirito, o quest’ultimo agisca sul medium attraverso un’azione di tipo telepatico, come nel caso della trasmissione di pensiero. Molti studiosi della materia hanno esaminato i fatti e sono addivenuti a due interpretazioni: in alcuni casi l’incorporazione del medium è effettiva e reale mentre vi sono altri casi in cui l’Entità non è presente nel medium, come succede per Coloro che non hanno ancora coscienza di non appartenere più al regno dei viventi. Non è certo facile convincere un’Entità che la sua condizione non è più quella di vivente, per loro il pensiero della morte ha rappresentato uno scoglio da superare, durante a loro vita, e pertanto rimangono ancorati al ricordo di quanto è stato in precedenza. Lo stato di trance, dunque si può considerare un’apertura nel tempo e nello spazio, il veicolo che collega due mondi, la soppressione temporanea di leggi che fermano i tentativi di far luce sul destino di questo essere chiamato uomo, oltre la porta del tempo, al di là delle dimensioni dello spazio.

BREVE STORIA DELLE TAVOLE OUIJA
Avete presente quelle tavolette di legno con disegnati i numeri e le lettere dell’alfabeto che vengono usate durante le sedute spiritiche? Online è possibile trovare un museo che le raccoglie in una galleria virtuale e ne racconta la storia.
Molti le considerano porte medianiche per entrare in contatto con l’aldilà e credono che la loro origine sia antica. La storia delle ouija, questo è il loro nome corretto, rivela invece che si diffusero con intenti ben diversi.
Non si conosce il nome del loro inventore, ma il 10 febbraio 1891 Charles Kennard, della Kennard Novelty Company, brevettò queste tavolette con il nome di ouija (qualcuno gli aveva detto che il termine significava “buona fortuna” in egiziano) e iniziò a venderle come gioco in scatola.
Presto ebbe delle difficoltà finanziarie e venne sostituito da William Fuld, che già lavorava nella stessa compagnia. La Kenneth Novelty Company venne ribattezzata Ouija Novelty Company e il nome di Fuld fu stampato su ogni tavoletta. Le vendite aumentarono a tal punto che presto la società cambiò nuovamente nome e divenne William Fuld company.
Un giorno del 1927 Fuld, che nel frattempo aveva rivendicato l’invenzione delle ouija, si trovava sul tetto della sua fabbrica a Baltimora e sorvegliava il montaggio di un macchinario, quando cadde e morì. I testimoni raccontarono che si trattò di una disgrazia, ma le voci che si trattasse di un suicidio iniziarono a girare e alcuni arrivarono a mormorare che Fuld fosse posseduto. I suo figli presero le redini dell’impresa e la condussero fino al 1966, quando i diritti vennero venduti ai fratelli Parker.
Da quel momento le ouija non sono più state realizzate su tavolette di legno, ma su supporti cartacei, con grande dispiacere dei collezionisti. Oggi la maggior parte delle persone le usa per poco tempo e le butta via. Il Museo delle tavole per le sedute spiritiche è nato con l’intento di raccogliere e tramandare la storia di questi oggetti. Nella galleria se ne possono ammirare di tutti i tipi: con i numeri e l’alfabeto, con le piramidi, con i gatti e le streghe, quelle moderni in stile new age, e quelle con i fachiri.

 

Seduta Spiritica Tavola Ouija - 1 Tavola Ouija - 2
Tavola Ouija - 3 Tavola Ouija - 4
CONSULTA ISMAELL
Per contattare Ismaell è sufficiente
cliccare qui
e compilare il modulo contatti,
un metodo veloce ed efficace.
Vocabolario della Magia
A disposizione di tutti i visitatori del sito un introvabile Vocabolario della Magia e della Parapsicologia, con centinaia di voci consultabili in qualsiasi momento gratuitamente. In più è anche interattivo, e potete contribuire voi stessi a segnalare o a richiedere termini nuovi.
Ultimo aggiornamento

17 giugno 2019