magia rossa legamenti d'amore
  ismaell.net   ismaell.net   ismaell.net  
magia rossa legamenti d'amore

Sintomi e sintomatologia delle negatività: voglia di morire

La voglia di morire è uno dei sintomi ed una delle conseguenze più dirette e tragiche delle negatività dovute alle fatture, ai malefici, ai malocchio, alla infestazione larvale, ecc. perchè gli effetti di queste negatività come i mali fisici, l’isolamento amoroso, affettivo, il fallimento economico spingono ad un pessimismo per cui la vita è vista solo in termini negativi. Subentra una specie di incapacità all’ottimismo o quanto meno alla speranza del domani, migliore e diverso da quello che si sta vivendo. La vita appare buia ed insopportabile, senza possibilità di sblocchi.

Ciò porta ad uno dei sintomi più comuni che colpisce una persona negativa con coinvolgimento o meno delle nefaste presenze demoniache (intervento misto): il desiderio di morire. Il bello è che ogni qualvolta la persona (almeno inizialmente) tenta il suicidio, per un verso o per un altro non riesce a portare a termine il suo intento. Diventa così, questo desiderio di morire e questa impossibilità di riuscire a farlo, una vera e propria psicosi, quasi una malattia mentale, una fissazione, che non fa altro che acuire la situazione già tragica del malcapitato.

Queste persone generalmente accusano di avere la sensazione che il mondo crolli loro addosso, che tutto sia finito, che il vivere sarà peggiore del morire, che non si possa fidare di nessuno, che qualche brutta malattia lo porterà ad una morte brutta e dolorosa, che per lui non ci sarà più amore, ma solitudine, insomma una visione catastrofica del presente e peggio ancora del futuro.

Da qui la voglia di morire, di farla finita, da qui, molte volte, la ricerca di paradisi artificiali che ti facciano dimenticare per qualche minuto o per qualche ora l’angoscia che si porta sempre addosso; da qui la ricerca della droga; da qui, l’inizio della fine con un suicidio lento ma inesorabile, un tunnel che non porta da nessuna parte.

Praticamente ci si arrende alle avversità della vita, si accetta tutto passivamente e si cerca artificialmente per vigliaccheria e per paura , quella pace e quella serenità che da soli non si riesce a raggiungere.

Oltre la droga, lo sbocco di questa situazione diventa il tentativo o i tentativi al suicidio fino a quando uno riesce a farcela.

Torna a Ismaell risponde

Vocabolario della Magia
A disposizione di tutti i visitatori del sito un introvabile Vocabolario della Magia e della Parapsicologia, con centinaia di voci consultabili in qualsiasi momento gratuitamente. In più è anche interattivo, e potete contribuire voi stessi a segnalare o a richiedere termini nuovi.
Ultimo aggiornamento

16 luglio 2018