magia rossa legamenti d'amore
  ismaell.net   ismaell.net   ismaell.net  
magia rossa legamenti d'amore

Talismani, Pentacoli, Amuleti e portafortuna

Premesso che Talismani, Pentacoli, Amuleti e portafortuna sono realtà completamente diverse e che hanno tutti funzioni diverse vediamo velocemente le loro funzioni:

Il Talismano contrariamente a quanti pensano il contrario, non è una protezione, conseguentemente non protette e non può proteggere da nulla e da nessuno.

Il Talismano, esotericamente parlando, è un catalizzatore attira energie positive, nel settore per cui è stato consacrato. Se una persona desidera avere più forza, più fortuna nel camlòo dell’amore, per esempio, si farà fare un talismano dell’amore, o del gioco, o della fortuna e via dicendo.

Talismani dunque non proteggono ma attirano energie positive in un particolare settore. Da ricordare che è preferibile avere un talismano, per ogni settore che si intende influenzare, piuttosto che un Talismano per due-tre o più settori. Infatti, un Talismano con 2 settori dividerà la sua potenza tra i due settori, con tre, influenzerà solamente di un terzo ogni settore, e così via. Dunque per avere il massimo 1 talismano= 1 settore.

La durata di un talismano dipende dal materiale con cui è stato fatto.

La funzione del Pentacolo invece è quella di proteggere. Ma attenzione: proteggere da ogni tipo di energia negativa, non da altro.

Onde per cui un Pentacolo proteggerà dal malocchio, da una fattura, da un Maleficio, dalla Infestazione Larvale e via dicendo.

Prima di indossare un Pentacolo, la persona deve essere sicura di non avere alcuna energia negativa, altrimenti indossare un pentacolo ed essere negativi, equivale ad annullare il Pentacolo stesso.

Affidarsi dunque per la protezione ad un serio e competente operatore esoterico che sicuramente prima di darvi il Pentacolo controllerà il vostro stato esoterico e poi potrete indossare il vostro Pentacolo con tutta tranquillità.

Anche per il pentacolo vale il discorso che la sua durata dipende dal materiale con cui viene fatto o consacrato. Vedi a tal proposito cos’è un Talismano dove trovate i materiali e le rispettive durate esoteriche delle cariche energetiche..

L’amuleto invece è un oggetto, generalmente di piccole dimensioni, che si porta addosso per scongiurare determinati pericoli, o malanni, o disgrazie. Diciamo – per far capire meglio – che l’amuleto può essere paragonato ad un repulsore, ossia a qualcosa che ha il compito di tener lontano precisi eventi. L’amuleto è storicamente il più antico di questi oggetti esoterici (talismano, Pentacolo, Portafortuna,…) in quanto usato addirittura nella notte dei tempi…..ed in tutto il mondo.

La sua particolarità è che non viene forgiato, costruito, lavorato e modellato come i Talismani ed i Pentacoli e se vogliamo anche i portafortuna, ma è di origine naturale, ossia appartenente o al regno animale, o vegetale o minerale.

Ad esempio un amuleto potrebbe essere un dente , una radice, una pietra.

Amuleto è la zampa di coniglio, amuleto è un quadrifoglio trovato in un prato, amuleto è un quarzo.

Tenendo ben corto delle varie qualità degli amuleti e per volerne imitare la forma, sono nati i portafortuna, che altro non sono se non degli amuleti “artificiali”.

Portafortuna pertanto diventa il quadrifoglio in argento, il corno in metallo, il cavalluccio marino in plastica. Teoricamente dovrebbero avere le stesse qualità e funzioni degli amuleti veri. In realtà non è così e sopravvivono solo grazie alla superstizione ed alla cultura popolare che continua ad alimentare quella che può essere considerata una leggenda metropolitana. Esotericamente parlando il portafortuna non ha alcun valore magico.

Visita anche alla voce Talismano, Pentacolo, Amuleto e Portafortuna nella galleria fotografica di Ismaell

 

Torna a Ismaell risponde

Vocabolario della Magia
A disposizione di tutti i visitatori del sito un introvabile Vocabolario della Magia e della Parapsicologia, con centinaia di voci consultabili in qualsiasi momento gratuitamente. In più è anche interattivo, e potete contribuire voi stessi a segnalare o a richiedere termini nuovi.
Ultimo aggiornamento

23 settembre 2018